Archivio

Archive for the ‘Comunicati’ Category

Darwin Day 2017 Vicenza

dd_definitivo_ridotto

LA SCIMMIA DI DARWIN,

scelte e rischio nell’evoluzione

Conferenza presso i Chiostri di Santa Corona a Vicenza

(Vicenza. 02.03.17) – Il mondo della cultura anglosassone commemora la nascita di Charles Darwin (12 febbraio 1809) con conferenze ed incontri che celebrano i contributi dati alla divulgazione del metodo scientifico sviluppati dal grande biologo e naturalista britannico. Nel 2003 il Darwin Day è arrivato nel nostro Paese grazie ai circoli provinciali dell’associazione nazionale UAAR (Unione Atei ed Agnostici Razionalisti) che organizzano sul territorio dibattiti con scienziati, docenti e giornalisti. Una giornata dedicata alla lezione evoluzionista di Darwin, scienziato d’avanguardia.

Anche quest’anno Vicenza ospita il Darwin Day: sabato 12 marzo alle ore 17.00 doppia conferenza presso i Chiostri di Santa Corona, con Simona Morini, Prof.ssa all’Università IUAV di Venezia (Filosofia della scienza), che ci parlerà di scelte e di rischio nella conferenza: “Darwin e la vipera del Sud Africa. Il rischio, tra ragione e emozione”; e con Stefano Polizzi – Professore all’Università Ca’ Foscari di Venezia (Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi) che ci relazionerà su Le scimmie di Darwin: riflessioni sulla questione animale”.

Ci racconta la Prof.ssa Morini, autrice di trattati di filosofia della scienza, della difficoltà a conciliare ragione ed emozione quando si deve decidere in condizione di rischio. Chiarificatore è uno stralcio dal diario del grande evoluzionista: “Avevo avvicinato il viso al vetro spesso che protegge la vipera del Sud Africa nel giardino zoologico, deciso a non ritrarmi neppure se il serpente si fosse rivolto verso di me; ma non appena ha emesso un sibilo, la mia determinazione è andata in fumo e sono balzato all’indietro con sorprendente rapidità. Volontà e razionalità si sono rivelate impotenti di fronte all’immaginazione di un pericolo mai sperimentato prima”. (Charles Darwin, L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali)

Simona Morini insegna “Teoria delle decisioni razionali e dei giochi” e “Filosofia della Scienza” presso la Facoltà di Design e Arti dell’Università IUAV di Venezia. Ha insegnato alla Facoltà di Lettere II dell’Università di Siena-Arezzo. Visiting professor alla University of New South Wales a Sydney nel 2010. Docente di teoria delle decisioni nel corso di Cultural Management della Bilgi University a istanbul. La sua ricerca riguarda la natura e le caratteristiche della razionalità non dimostrativa e l’analisi dei modi di concettualizzare l’incertezza in diversi ambiti di ricerca: teoria della probabilità e statistica, teoria delle decisioni e dei giochi, scetticismo e, in generale, epistemologia, storia delle idee e etica. Si è occupata di alcuni aspetti applicativi di tali teorie collaborando a programmi di ricerca e formazione per la regione Lombardia, per il Consiglio Superiore della Magistratura, per il Politecnico di Milano, per Finmeccanica,  MBDA e per altri enti pubblici e privati. Ha diretto la rivista online di filosofia applicata “Rescogitans” per la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori. Si occupa di divulgazione della cultura scientifica organizzando mostre ed eventi culturali. Collabora con varie case editrici, riviste e con il quotidiano Il sole 24 Ore. Vive a Milano e a Venezia.

Stefano Polizzi è professore Associato in Chimica Fisica dal 2004, dopo essere stato ricercatore dal 1988. Dopo la laurea in Fisica e il Dottorato in Scienze Chimiche, è stato titolare di diverse borse di studio in Italia (SISSA, Lincei) e all’estero (CNR, UE). Ha lavorato nel 1987 presso l’Istituto per la Chimica Macromolecolare di Amburgo e nel 1992 presso l’Università di Shizuoka (Giappone), periodi durante i quali si è occupato principalmente di caratterizzazione di materiali polimerici mediante diffrazione di raggi X e diffusione a basso angolo (SAXS). Nel 1993 ha lavorato per il sincrotrone di Amburgo (Desy-Hasylab) alla costruzione della nuova linea di misura nel visibile e UV per esperimenti di fluorescenza risolta in tempo e di depolarizzazione per lo studio della mobilità delle catene polimeriche. Dal 1998 ha spostato la sua attività verso la microscopia elettronica diventando responsabile del nuovo laboratorio di microscopia elettronica dell’Università di Venezia. Nell’A.A. 2012/2013 ha passato tre mesi presso il CINVESTAV (Centro de Investigation y de Estudios Avanzados) dell’Istituto Politecnico Nazionale Messicano e cinque mesi presso la JiaoTong University di Pechino. Collabora con altre Università ed enti di Ricerca italiani e stranieri e ha condotto turni di misura presso il Sincrotrone di Amburgo, Grenoble e Pechino.È guest professor di University of the China Academy of Science (UCAS). È autore di più di più di 120 pubblicazioni su riviste internazionali. E’ socio del circolo UAAR Venezia e del Gruppo Veganzi Venezia.

L’iniziativa è organizzata dal circolo vicentino dell’UAAR

L’UAAR, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, è l’associazione nazionale che rappresenta le ragioni dei cittadini atei e agnostici. È iscritta, con il numero 141, al registro nazionale delle associazioni di promozione sociale, istituito presso il ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali. Tra i valori a cui si ispira l’UAAR ci sono: il laicismo; il rispetto dei diritti umani; la libertà di coscienza; il principio di pari opportunità nelle istituzioni per tutti i cittadini.

INFORMAZIONI

Chiostri di Santa Corona

Ingresso presso il Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza

Contrà Santa Corona, 4

ENTRATA LIBERA

Comunicato dei circoli UAAR del Veneto: la Regione assuma medici ed infermieri non preti

Anche la Regione Veneto, quando si tratta di alimentare i tradizionali clientelismi si dimentica celermente della crisi economica, dei problemi di bilancio, delle esigenze di razionalizzazione della spesa pubblica.

L’ultima chicca è lo stanziamento di 2 milioni di euro annui per assumere nelle Ulss venete un centinaio di sacerdoti cattolici come assistenti spirituali religiosi. Saranno assunti a tempo indeterminato, su indicazione dei vescovi, e parificati nel trattamento agli infermieri professionali laureati (categoria D); nelle Ulss venete ci sono circa 500 precari tra medici, infermieri e tecnici.

Tutto ciò va ad aggiungersi, ovviamente, al fiume di denaro elargito alle scuole private, all’edilizia di culto, ai patronati, agli enti, e poi ai contributi per gli “eventi promozionali” o per le consulenze di stampo confessionale.

Per questo invitiamo i cittadini del Veneto ad aderire alla petizione promossa dal consigliere regionale Nicola Atalmi per la revoca immediata del provvedimento, come minimo atto di decenza e di riguardo nei confronti dei malati e dei degenti che vogliono vedersi garantire innanzitutto un servizio sanitario adeguato, inclusa magari un’assistenza professionale sul piano psicologico nei momenti di difficoltà.

La petizione chiede che la Regione receda immediatamente dall’accordo e si può firmare sui siti

http://www.petizionionline.it
http://firmiamo.it

Circoli UAAR — Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti — di Padova, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza.

Categorie:Comunicati